FotocameraTop » Consigli » Come scegliere un obiettivo per fotocamere digitali

Come scegliere un obiettivo per fotocamere digitali

Come scegliere un obiettivo per fotocamere digitali
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 8 mesi ago

Una volta acquistato il corpo macchina, che è quello che costituisce la macchina fotografica digitale, il sogno di ogni appassionato è di dotarla di un kit di obiettivi di tutto rispetto, ma spesso purtroppo, nella smania di dotarsi dell’apparecchiatura più sofisticata, si rischia di spendere cifre notevoli per obiettivi che a un livello amatoriale non sono necessari, o non verranno sfruttati al massimo.


Il kit obiettivo ideale per chi si approccia al mondo della fotografia è uno zoom standard, buona base di partenza per capire più in là nel tempo e con l’esperienza, di quali lunghezze focali c’è più bisogno.

Per scegliere bene il tuo obiettivo ci sono diversi fattori che dovrai valutare, dalla lunghezza focale alle specifiche e non per ultimo il prezzo.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Tamron AF 70-300mm F/4 - 5.6 Di
11.7 x 7.7 x 7.7 cm
0.44 kg
111.99€ 8.6 / 10 Vedi Offerta Recensione
Nikon 55-300 mm f/4.5-5.6 DX
12.3 x 7.7 x 7.7 cm
0.58 kg
224.89€ 9.0 / 10 Vedi Offerta Recensione
Tamron SP AF 10 - 24mm F/3.5 - 4.5 Di II
8.4 x 8.3 x 8.3 cm
0.41 kg
505.74€ 9.4 / 10 Vedi Offerta Recensione
Nikon Nikkor AF-S 28-300 mm
11.5 x 8.3 x 8.3 cm
0.8 kg
1011.8€ 9.6 / 10 Vedi Offerta Recensione

Quali sono le tipologie di obiettivi?

Esistono diversi tipi di obiettivo tra i quali potrai scegliere: l’obiettivo standard, quello grandangolare, quello tele, e l’obiettivo tuttofare.

L’obiettivo standard

L’obiettivo standard consente di affrontare già da subito diverse situazioni di ripresa con facilità e senza problemi, è leggero e poco ingombrante e il prezzo è davvero molto contenuto. Non è il massimo in termini di resa stampata e di luminosità, ma la sua qualità sul piano ottico resta più che accettabile.

Tutti i marchi offrono la loro versione: in questo caso non dovrai solo scegliere in base alla tua disponibilità economica e al modello, ma dovrai tenere conto anche delle specifiche ma soprattutto dell’effettiva necessità e dell’uso che farai dei tuoi obiettivi. Alcuni di essi infatti, specie i più costosi, arrivano ad essere parecchio pesanti e ingombranti, e una volta acquistati, passato l’entusiasmo iniziale, rischiano di essere lasciati in un cassetto.

Preferisci sempre obiettivi adatti alle tue reali esigenze piuttosto che obiettivi eleganti e raffinati, o rischierai di esaurire il tuo budget in oggetti che utilizzerai raramente.
Esistono obiettivi standard con un’estensione maggiore dei canonici 18-55mm, che può arrivare fino a un buon 18-105mm, ma il prezzo di questi accessori cresce, sebbene la qualità sia di poco superiore. Non sempre acquistarli è conveniente.

Obiettivo grandangolare

Una buona alternativa è l’obiettivo grandangolare: sono proposti da tutte le case produttrici a prezzi accessibili e l’estensione è migliore di quella degli obiettivi standard.

L’obiettivo grandangolare è necessario per tutte le situazioni di ripresa in cui si debbano fotografare interni, architetture, gruppi di persone e paesaggi. La spesa è superiore rispetto all’obiettivo standard, ma quello grandangolare permette effetti creativi e di catturare gradi aree con una resa ottimale dello spazio e della profondità.

Obiettivo tele

L’obiettivo tele è adatto alla ripresa di scenari naturali o alla fotografia sportiva, avendo un’estensione media di 75-300mm ma non è facile da usare a mano libera e necessita l’acquisto di un buon cavalletto o in alternativa l’uso di un appoggio solido.

Obiettivo tuttofare

Se vuoi assicurarti la massima versatilità in tutte le situazioni di ripresa, puoi sempre optare per un obiettivo “tuttofare”, accessorio molto in voga negli ultimi tempi. Con un’escursione di 15x, riescono a coprire l’uso grandangolo quanto quello dei teleobiettivi.

Grazie a questo tipo di obiettivo è possibile uscire di casa con un solo obiettivo, senza la borsa. Ma l’obiettivo tuttofare non è amato da tutti: infatti oltre a comportare una spesa maggiore ed essere più pesante, presenta alcuni difetti nella resa su stampa, soprattutto quando usato da principianti (difetti cromatici, distorsioni sul grandangolo, luminosità molto ridotta rispetto a quella ottenuta da obiettivi standard).

Sebbene più pratico sotto molti aspetti, il tuttofare è sconsigliato a chi non ha una buona dimestichezza con gli effetti e con la messa a fuoco.

Coppia di obiettivi

L’ultima opzione da considerare è la coppia di obiettivi: fastidiosa da trasportare perché più ingombrante, è però la scelta più professionale. Le coppie (di solito un grandangolo e uno zoom tele) sono l’ideale se hai necessità di cambiare spesso soggetto e stile di fotografia: con una coppia di obiettivi sarai in grado di riprendere sia interni, paesaggi, sport e natura, che ritratti di persona.

Grazie a questa scelta ti sarà possibile calibrare le lunghezze focali a tuo piacimento e tenerle pronte nella borsa: le tue riprese godranno di una qualità ottica eccellente.

Specifiche da considerare

Prima di acquistare il tuo obiettivo sarà utile verificare la lunghezza focale e la luminosità, e capire come funzionano per assicurarti la scelta migliore rispetto alle tue necessità.

Lunghezza focale

La lunghezza focale è la distanza in millimetri che separa la lente dell’obiettivo dal piano focale e viene misurata dal centro dell’obiettivo. Questo punto di misurazione si chiama punto nodale posteriore. La lunghezza focale indica dunque la distanza tra il punto nodale posteriore e il soggetto da mettere a fuoco. Di norma le lunghezze maggiori vengono usate nella fotografia naturalistica o nei ritratti, mentre quelle minori per ritrarre ambienti esterni o interni.

Luminosità

Detta anche apertura, la luminosità è data dall’apertura dell’obiettivo. La sua apertura massima influenza la luminosità della fotografia: maggiore è
l’apertura massima più l’obiettivo sarà luminoso
. Una cosa fondamentale che devi sapere è che una maggiore luminosità, quindi una maggiore apertura, implica una ridotta profondità di campo. Quindi per una maggiore profondità di campo dovrai sacrificare la luminosità dello scatto.

La profondità di campo è il termine tecnico che si usa per descrivere la capacità di messa a fuoco su soggetti a diverse distanze. Per fotografie con un effetto di stacco del soggetto dallo sfondo dovrai quindi scegliere un diaframma aperto, mentre per fotografie perfettamente a fuoco ti sarà utile un diaframma più chiuso. Questo dosare l’apertura si può imparare solo tramite l’esperienza, e dovrai assicurarti che il tuo obiettivo sia semplice da usare, specie se sei alle prime armi.

Come leggere le specifiche

É molto importante saper leggere le caratteristiche tecniche del prodotto che ti appresti ad acquistare. I valori più importanti sono lunghezza focale e apertura. Il valore di lunghezza focale è sempre espresso in millimetri. Per esempio ti potrà capitare di leggere la sigla 15-30 mm f\3.5.
15-30mm si riferisce alla lunghezza focale di uno zoom grandangolo.

Accanto alla lunghezza focale troverai lettere e numeri che rappresentano l’apertura. Per esempio F\3.5: in questo caso potrai facilmente intuire che non si tratta di un obiettivo particolarmente luminoso (le ottiche migliori in fatto d luminosità hanno un valore f\1.4. Ti sarà facile scegliere quelle che preferisci una volta imparati i valori).

Sull’etichetta sarà inoltre indicata la presenza di accessori complementari, per esempio lo stabilizzatore, che serve ad evitare le microvibrazioni durante i tempi lunghi e può essere d’aiuto alla qualità dello scatto per quanto riguarda la luminosità.

L’obiettivo adatto alle diverse occasioni

La scelta delle caratteristiche dell’obiettivo dipende dal tipo di fotografia che preferisci: per esempio un obiettivo con apertura f\1.4 è adatto ai paesaggi, mentre uno con apertura f\1.8 è adattissimo allo scatto notturno senza flash.

Ogni diverso campo della fotografia (paesaggistica, di viaggi, sportiva, naturalistica, reportage) trova un corrispettivo ideale in determinati valori di apertura e lunghezza focale. Sarà sufficiente consultare una breve guida per capire quali valori sono più adatti al tuo stilo fotografico, e in base a questi, aiutarti per la scelta del tuo obiettivo.

Fasce di prezzo

La fascia di prezzo per questi prodotti può variare enormemente a seconda dell’uso che se ne deve fare: se sei un amatore è perfettamente ragionevole non voler spendere cifre astronomiche per apparecchiature complesse. Un buon obiettivo che risponda bene alle tue necessità amatoriali, ma incontri anche una qualità elevata è l’ideale, e puoi trovarlo anche a meno di 150 euro.

É ad esempio possibile trovare grandangoli con diaframma massimo non spinto sui 100 euro: certo, questo tipo di obiettivo può risultare a prima vista “plasticoso”, come si dice in gergo, e presentare piccoli difetti nella vignettatura, ma quando usato ben aperto è perfetto per paesaggi e ritratti e gli effetti bokeh (sfocatura) hanno una resa spettacolare.

Obiettivi veramente costosi invece, hanno una fascia di prezzo che varia dai 300 ai 10.000 euro: superaccessoriati, sono prodotti con materiali tecnologici d’eccellenza. Questi obiettivi però sono più adatti ai professionisti che ai semplici appassionati, che non hanno bisogno di specifiche straordinarie ma di obiettivi buoni e robusti.

Noi di fotocameratop.com abbiamo creato delle pagine sui migliori obiettivi delle marche più conosciute, ovvero Nikon, Canon e Pentax.

Come scegliere un obiettivo per fotocamere digitali
5 (100%) 3 votes
Categories:
Consigli
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *