FotocameraTop » Consigli » Come scegliere un flash per fotocamere digitali

Come scegliere un flash per fotocamere digitali

Come scegliere un flash per fotocamere digitali
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 8 mesi ago

Per ogni amante della fotografia arriva prima o poi il momento di dotare la propria fotocamera di un flash esterno.

Infatti il flash esterno permette di ottenere una maggiore versatilità a vantaggio della resa fotografica.

Il flash integrato presente nel corpo macchina è limitato nella potenza e nell’uso: non solo la sua luce ha una portata scarsa, ma non è possibile dirigere il suo raggio d’azione. Ecco dunque la necessità di scegliere un flash esterno. Ecco alcune delle caratteristiche che ti sarà utile conoscere e valutare per orientarti nella scelta di questo utile strumento.

Caratteristiche di un flash esterno

I flash esterni presentano numerosi vantaggi: non solo possono essere orientati per ottenere diversi effetti, ma contribuiscono alla resa estetica della foto. Infatti il flash in dotazione consente di emettere le luce solo in modo frontale, portando a una resa del soggetto piatta, senza tridimensionalità.

Il flash esterno invece, grazie alla parabola mobile, può essere orientato per prevenire l’effetto occhi rossi e per dare maggiore rilievo ai contorni. Inoltre i moderni flash sono dotati di opzione wireless con trasmettitore e ricevitore integrati, e questo si rivela molto utile perché consente di lavorare senza che lo strumento sia fisicamente collegato alla fotocamera.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Yongnuo YN-560 Mark III
21 x 9 x 8 cm
0.54 kg
52.95€ 9.4 / 10 Vedi Offerta Recensione
Metz Mecablitz 52 AF-1 Digital
0.8 x 20 x 9 cm
0.91 kg
207.69€ 9.0 / 10 Vedi Offerta Recensione
Nikon SB-700
10.4 x 7.1 x 12.7 cm
0.36 kg
292€ 9.6 / 10 Vedi Offerta Recensione

Compatibilità con la fotocamera

La prima cosa di cui dovrai accertarti durante la scelta del modello sarà la compatibilità con la tua fotocamera.
Scegliere un flash dello stesso produttore è sempre consigliabile, ma molti marchi producono ottimi flash compatibili e universali. L’unica cosa di cui dovrai accertarti è che non si tratti di un modello di flash molto più vecchio della tua fotocamera, perché nel frattempo la casa produttrice potrebbe aver messo in commercio un flash più aggiornato e più adatto.

Quindi una certa prudenza nell’acquisto è consigliata: è sempre preferibile valutare più opzioni e non fermarsi subito al primo flash che riteniamo accettabile o alla prima offerta conveniente.

La potenza

La potenza è un parametro importante per valutare l’adeguatezza di un flash. Flash più potenti riescono ad illuminare soggetti più distanti. La potenza è espressa dal valore NG (numero guida). Il numero guida delle fotocamere europee è basato su una sensibilità di 100 ISO, quelle statunitensi sono basate su 400 ISO. Più è elevato il numero NG più il flash è potente. Il piccolo flash integrato della fotocamera è capace di raggiungere tra gli 11 e i 13 NG, mentre un flash esterno di buona potenza o semiprofessionale è capace di arrivare a un NG compreso tra i 50 e i 60.

Ecco perché un buon flash esterno è un accessorio indispensabile per chiunque si approcci alla passione della fotografia. Indicativamente, possiamo dire che un flash con un numero guida di 20 è decisamente scadente, un flash con circa 40-50 è medio-buono, un flash con numero guida pari a 60 NG è molto potente e quindi rappresenta un prodotto davvero valido.

Solitamente i parametri di potenza riportano il diaframma da utilizzare per una corretta esposizione del soggetto da ritrarre a un metro dal flash: esistono quindi delle utilissime tabelle matematiche che permettono di calcolare velocemente quale diaframma usare a seconda della distanza del soggetto.

Orientamento della parabola

La luce diretta non ha una buona resa estetica in fotografia: per questo motivo è essenziale che il flash possa essere orientato a piacimento. In questo modo è possibile illuminare il soggetto con una luce non diretta riflessa da una parete o da un pannello riflettente. La parabola del flash deve essere orientabile con facilità a diverse inclinazioni e verso l’alto.

La motorizzazione della parabola flash è fondamentale, più della potenza stessa: è possibile bilanciare i valori della fotocamera su sensibilità alte e ovviare a un flash poco potente, ma non c’è nulla che possa ovviare alle problematiche di un flash frontale che non può essere orientato.

Copertura grandangolare

Su fotocamere da 24-36mm con diffusore integrato (una schermatura che si abbassa per coprire la fonte luminosa), i flash esterni per fotocamere arrivano spesso e volentieri a un angolo di campo di 18mm.

Quasi tutti i flash consentono una regolazione di impostazione manuale oltre che automatica: in questo modo è possibile regolare l’esposizione a seconda del bisogno.

Modalità TTL

Per assicurarti un flash che sappia restituire al soggetto una certa morbidità e naturalezza senza investirlo di un fascio di luce decisamente innaturale, è necessario scegliere un flash che possa lavorare in modalità TTL (Through the lens, attraverso le lenti). Questa particolare opzione consente di impiegare il flash come colpo di schiarita o, come si dice nel gergo, come fill in flash.

Con la modalità TTL, il flash dosa automaticamente la potenza in base alla distanza del soggetto da fotografare, rilevando l’esposizione attraverso l’obiettivo. In questo modo la resa estetica dell’uso del flash viene migliorata sensibilmente. Tutti i migliori modelli possiedono la modalità TTL, quindi assicurati che questa opzione sia riportata sulle specifiche quando ti appresti a scegliere il nuovo flash.

Funzione master e slave

I flash sono in grado di comunicare con altri flash: quello in funzione master invia al flash in funzione slave l’input per avviare lo scatto.

Questa funzione può essere molto utile in diversi frangenti. Esistono però anche diversi metodi di invio di input da un master a uno slave, come sistemi radio, infrarossi e servocellule ad attivazione luminosa.

Possibilità di sincronizzazione su tempi rapidi

Tra i dati tecnici da valutare c’è il tempo minimo di sincronizzazione: nei moderni flash esterni è presente un’opzione di sincronizzazione su tutti i tempi di scatto. In questo caso è bene accertarti che questa funzione (utilissima per gli scatti in giornate nuvolose) sia compatibile con la tua fotocamera.

Tipologia di flash

I più usati in assoluto sono i flash con modalità TTL. Oltre ai flash con attacco a slitta esistono quelli innestati su contatto a caldo che si incastrano nella parte sopra il mirino. Lo scopo di questo posizionamento è il passaggio dei comandi dalla fotocamera al flash, permettendo il cambiamento delle impostazioni del flash direttamente dalla fotocamera.

Esistono anche flash subacquei per le fotografie d’immersione, che sono particolarmente progettati per dare risalto alle tinte marine e ai colori dei fondali o delle barriere coralline.

Fascia di prezzo, pro e contro di flash economici e costosi

Il prezzo dei flash è molto variabile e la scelta non dovrebbe mai fermarsi al primo prezzo conveniente. La scelta del flash dovrebbe essere adeguata alle tue necessità: se sei un principiante che vuole una buona qualità ma non necessita di un equipaggiamento estremamente professionale, una fascia di prezzo medio bassa è più che accettabile.

Il mercato degli accessori per fotocamere è dominato dalle case produttrici asiatiche che spasso e volentieri propongono emuli di altre marche famose. Questo tipo di flash presenta dei pro e dei contro. Tra i pro c’è certamente una spesa molto contenuta.

Esistono flash di produzione cinese che partono da prezzi davvero bassi (sotto i 50 euro). Tra i contro c’è il fatto che non sempre questi flash montano sulle fotocamere europee o statunitensi. In questo caso armati di prudenza e controlla bene la compatibilità prima dell’acquisto.

Questi prodotti hanno una qualità media e spesso presentano tutte le funzionalità di un buon flash, comprese TTL e sistema CLS (creative light system), tuttavia spesso peccano in potenza NG, non sono dotati di funzione slave ma solo di master, e non sono equipaggiati dei loro pannellini di schermo. Anche tra le sottomarche e le “imitazioni” si possono trovare dei prodotti molto validi, tuttavia è consigliabile rivolgerti a una fascia di prezzo leggermente superiore (100-150 euro).

I flash costosi invece prevedono un investimento più cospicuo, garantiscono tutta l’affidabilità dei marchi classici. La fascia di prezzo resta più o meno quella media (a parte le eccezioni dei set interi di flash esclusivamente professionali) e si aggira dai 300 euro ai 700 euro.
Il contro in cui ci si imbatte maggiormente è la scarsa compatibilità con fotocamere di diverse marche. Prima di scegliere un flash in fascia di prezzo medio alta e di buona produzione è necessario, esattamente come per quelli dei marchi anonimi, che ti assicuri della compatibilità con la tua fotocamera.

Noi di FotocameraTop abbiamo suddiviso le migliori tipologie di flash nelle due marche più conosciute, ovvero Canon e Nikon.

Come scegliere un flash per fotocamere digitali
4.8 (95%) 4 votes
Categories:
Consigli
Commenti
  • 19 ottobre 201716:01

    Ciao, io cercavo Un flash per eventi, locali, feste, avevo pensato ad un flash nikon SB 700 secondo voi è troppo potente per una nikon d3200?
    Se così fosse che flash mi consigliereste?

    Grazie mille Letizia!

    Rispondi
    • 21 ottobre 201710:57

      Buongiorno Letizia. Secondo noi il flash Nikon SB 700 va benissimo per una Nikon d3200 e per utilizzarlo nei contesti elencati.

      Rispondi
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *